Palline a Piazza di Spagna: condannato l\'artista

1' di lettura 28/04/2009 - Si è conclusa con due condanne e un\'assoluzione la performance artistica delle 500mila palline colorate gettate dalla scalinata di Trinità dei Monti su piazza di Spagna il 16 gennaio 2008.


Le palline di diverso colore, giallo verde e rosso invasero la piazza e determinarono l\'interruzione del traffico degli autobus che quotidianamente percorrono quei luoghi. In precedenza Cecchini era stato protagonista di un\'analoga vicenda quando a Fontana di Trevi lanciò nella vasca sostanze che colorarono di rosso l\'acqua.

Otto mesi di reclusione, per interruzione di pubblico servizio, sono inflitti dal giudice Tiziana Gualtieri a Graziano Cecchini, l’artista che aveva progettato l’azione. Un suo complice, Daniele Pinti ha avuto per aver partecipato allo stesso fatto 4 mesi di reclusione mentre un altro imputato, Michael Rosselli è stato assolto per non aver commesso il fatto.

Riferendosi all\'iniziativa e alla contestazione di interruzione di pubblico servizio, Cecchini al tempo disse: \"Ma quale interruzione, la piazza è un\'isola pedonale e si poteva passare tranquillamente. Dov\'è il reato? È stata solo una rappresentazione di pop-art. Da oggi chiamatemi Futur palla\".





Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2009 alle 16:17 sul giornale del 28 aprile 2009 - 1186 letture

In questo articolo si parla di arte, cultura, roma, giulia angeletti, piazza di spagna, trinità dei monti