'Abbiamo visto cose che voi umani…'

1' di lettura 03/02/2013 - Tra scienza e fantascienza, dalla sommità dell’Osservatorio Astronomico di ROMA a Monte Porzio Catone un balzo verso gli spazi illimitati dell’immaginazione. Mille spigolature fantascientifiche ed il cielo stellato con le sue nebulose, galassie e fenomeni per una serata di cultura astronomica e cinefila.

Scienza e fantascienza sono state di casa venerdì 1° febbraio dalle ore 19:00 all’OAR di Monte Porzio Catone.

Sotto la guida del Dott. Giuseppe Bono, professore associato di Astrofisica Stellare presso il Dipartimento di Fisica, Università di Roma “Tor Vergata” è stato possibile vedere la fantascienza con gli occhi di uno scienziato e scoprire, nelle trame dei film più famosi, l’intreccio tra l’astronomia ed il mondo del cinema da Melies a Kubrik e come l’immaginazione a volte riesca ad anticipare il progresso scientifico o più spesso sconfini nella pura fantasia raccontandoci situazioni surreali.

Nel corso della serata si sono potute visitare la sala dedicata a Padre Secchi, gesuita ed astronomo italiano del Collegio Romano fondatore della spettroscopia mondiale, e la sala di Athanasius Kircher con le sue Tavole Sciaretiche, elaborato lavoro della scienza gnomonica, con molti altri strumenti ed documenti unici originali attraverso i quali si è fatta la storia dell’Astrofisica.

A seguire un buffet per tutti i partecipanti unito alla degustazione dei migliori vini dei castelli romani e l’osservazione della volta celeste con gli strumenti dell’Osservatorio, compatibilmente con le condizioni meteorologiche.

L’attività di ricerca del dott. Giuseppe Bono è focalizzata su popolazioni stellari, stelle variabili e scala delle distanze, ammassi globulari e galassie nane del Gruppo Locale.

L'immaginazione è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, l'immaginazione abbraccia il mondo, stimolando il progresso, facendo nascere l'evoluzione (Albert Einstein)


di Redazione
redazione@vivereroma.org





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-02-2013 alle 21:50 sul giornale del 04 febbraio 2013 - 881 letture

In questo articolo si parla di cultura, astronomia, roma, fantascienza, osservatorio astronomico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/IZn