L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli rinforza la normativa contro il riciclaggio nel settore dei giochi

13/06/2018 -

Negli ultimi anni, diverse inchieste condotte dagli inquirenti nel Lazio e nelle altre regioni italiane, hanno portato alla luce la crescita del riciclaggio di denaro sporco da parte di organizzazioni criminali, come illustra nel dettaglio la Mappa Geografica dei legami tra gambling e malavita organizzata. Il volume di affari che muove il settore dei Giochi ha attratto l’interesse delle mafie che da qualche anno stanno investendo molte delle loro risorse per entrare stabilmente in un mercato capace di muovere complessivamente oltre 90 miliardi euro, solo nel settore legale.



L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha deciso di adottare delle nuove linee guida imposte dal regolatore sull’antiriciclaggio, oltre a misure finalizzate al contrasto del gioco d’azzardo patologico. I riflettori sono puntati principalmente sul segmento online, le videolottery, le sale scommesse ed il bingo. Previste inoltre nuove procedure di analisi, verifica e conservazione dei dati relativi ai giocatori nei sistemi di gioco degli operatori.

Per quanto riguarda il segmento delle videolottery (VLT) si prevede di adottare procedure che possano consentire di monitorare ogni singola operazione riferita ad ogni sessione di gioco in un arco temporale massimo di sette giorni, oltre ai comportamenti anomali relazionati all’entità insolitamente elevata degli importi erogati rispetto a quelli puntati. Sarà quindi obbligatorio acquisire i dati che identificano il cliente, all’atto della richiesta o dell’effettuazione dell’operazione di gioco. Gli operatori dovranno dotarsi di sistemi di gioco che possano consentire la verifica di ticket di importo nominale superiore ai 500 euro ed oltre a questi anche dei biglietti che indicano assenza di vincite o una bassa percentuale delle stesse rispetto al valore del ticket.

Per il gioco online è previsto un inasprimento dei controlli e non verrà ammessa la registrazione semplificata. Saranno inseriti 12 campi supplementari da compilare per i giocatori che si effettueranno la registrazione online e da cellulare. Oltre ai dati personali e al codice fiscale, dovranno inserire i loro recapiti e tutti i dati di un documento di identità. I concessionari avranno l’obbligo di sviluppare degli indicatori al fine di intercettare movimenti del conto rilevanti.

Le agenzie di scommesse sportive sceglieranno i soggetti da mettere sotto contratto nella gestione dei propri negozi di gioco e corner. Si occuperanno di valutare comportamenti di gestori e giocatori all’interno dei punti vendita in relazione a eventuali frodi. Dovranno infine fornire ai gestori degli strumenti per l’identificazione dei giocatori, l’incrocio e la verifica dei dati.

Infine, per le sale bingo sono previste verifiche e controlli sull’uso di banconote di grosso taglio da parte dei giocatori per acquistare le cartelle, sulle richieste di pagamento di vincite inferiori ai 2000 euro o spezzettate, sui documenti scarsamente leggibili, sulla presenza di clienti che non acquistano cartelle, sull’ assegnazione di premi in orari vicini a quelli di apertura ed infine sulla scarsa affluenza in occasione di partite con premi aggiuntivi. Gli operatori si occuperanno anche di curare la formazione e l’aggiornamento del personale di sala in modo particolare sulle direttive e le linee guida per l’antiriciclaggio.






Questo è un articolo pubblicato il 13-06-2018 alle 16:20 sul giornale del 13 giugno 2018 - 418 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVzv