'Spelacchio' riaccende lo spauracchio

2' di lettura 09/12/2019 - A questa notizia J-Ax avrebbe esclamato: 'Il bello di esser brutti". Ma di cosa stiamo parlando? Naturalmente dell'abete naturale tipo Abis Nordmanniana alto 22 metri e diventato, suo malgrado, l'albero più famoso al mondo come ammesso in chiave scherzosa anche dallo stesso sindaco di Roma Virginia Raggi.

'Spelacchio', così battezzato dai romani e che anche quest'anno decorerà piazza Venezia per allietare con le sue 1.000 luci e palle colorate i turisti di tutto il mondo che decideranno di trascorrere parte delle loro vacanze di Natale nella Capitale più bella del mondo e che di certo non sapranno resistere alla foto di rito con lui.

Ancora una volta sarà Netflix ad occuparsi dell'addobbo di Spelacchio che, tuttavia, si presenterà al pubblico con una novità davvero simpatica. Infatti, dietro l'albero, ci sarà la casetta di Babbo Natale dove i più piccini potranno imbucare le loro letterine di richiesta giocattoli. L'albero che, garantiscono dal Comune, non dovrebbe perdere le sue foglie aghiformi in quantità industriale, rimarrà acceso 24 ore al giorno e fino al 6 di gennaio.

La sua accensione è stata demandata, come sempre, al sindaco Raggi che non ha badato a spese per l'occasione invitando per l'occasione le voci del coro giovanile del teatro dell'opera rendendo la cerimonia così pomposa quanto superflua. Risultato? Molti applausi ma anche qualche fischio di disapprovazione forse alimentato anche dalla recente spesa per € 50.000 per il recente fumetto distribuito 'gratuitamente' nelle scuole elementari di Roma e che ha come protagonista una Raggi in versione wonder woman che salva Roma da tutti i mali che la affliggono.

Per i più curiosi possiamo raccontare che l'abete è Made in Italy, alto 22 metri e proveniente da Cittiglio piccola località del Varesotto. Il suo costo è stato interamente sostenuto da IGPDecaux e Netflix e che, pertanto, l'operazione risulta a costo zero per il Campidoglio.

Incrociamo le dita.






Questo è un articolo pubblicato il 09-12-2019 alle 16:40 sul giornale del 10 dicembre 2019 - 165 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bdQG