PM10 nelle foglie degli alberi

2' di lettura 17/12/2019 - In questo periodo dell'anno Roma appare coperta da quintali di foglie. Strade, marciapiedi e piazze si tingono sempre più di rosso e arancione a causa della mancata potatura degli alberi durante il periodo previsto. E se qualcuno (turisti, per lo più) può apprezzare il lato romantico del fenomeno, per i cittadini romani ciò equivale a una catastrofe: caditoie ostruite con conseguente allagmento delle strade alle prime pioggie abbondanti, pericolo di scivolarci sù e maggiori insidie nascoste.

Ma da oggi è utile sapere anche un'altra cosa su tale fenomeno cittadino. Infatti, secondo fonti dell'Ama, le foglie degli alberi che ogni giorno gli addetti alla pulizia delle strade raccolgono per conto del Comune, sono 'radiattive'. Questa denuncia non è nuova ma ritorna puntualmente in questo periodo dell'anno in cui la perdita di foglie assume dimensioni sproporzionate. Infatti, i mezzi della municipalizzata, quando raccolgono le foglie per le strade sanno perfettamente che sono impregnate anche di polveri sottili delle auto che vengono inglobate nelle loro strutture porose.

Ma quando i mezzi carichi di fogliame si presentano al portale del TMB dove, per legge, vengono rilevate le radiottavità o tossicità di ciò che entra con i mezzi, sistematicamente, una piccola percentuale di mezzi (pari allo 0,2%) viene sequestrata per 15/20 giorni con inevitabile ripercussione sul lavoro di ripulitura della città che, a quel punto, non può contare più su tutti i mezzi in deposito.

Il tutto si potrebbe risolvere attraverso una programmatica azione di potatura delle oltre 300 mila piante (di cui 80 mila a fusto largo) che vedrebbe un drastico ridimensionamento del fenomeno. Ma per ora il comune non sembra intenzionato ad investire nessuna risorsa in prevenzione.


di Redazione
redazione@vivereroma.org





Questo è un articolo pubblicato il 17-12-2019 alle 22:39 sul giornale del 18 dicembre 2019 - 178 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bedT