Coronavirus: donna in quarantena alla Cecchignola allo Spallanzani

2' di lettura 09/02/2020 - Trasferita in via precauzionale, ha la congiuntivite ma è negativa al test del coronavirus.

Trasferimento precauzionale allo Spallanzani per un altro dei 56 rimpatriati da Wuhan e in quarantena alla Cecchignola. Si tratta - riferisce una nota del ministero della Salute - di una donna con sola congiuntivite". "Sebbene negativa al test di nuovo coronavirus 2019-nCoV, è stata trasferita, a titolo precauzionale, all'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti".

Circolare del ministero della Salute per le scuole per i bambini che rientrano dalla Cina. Monitoraggio con "permanenza volontaria a casa" per la "puntuale verifica della febbre e dei sintomi tipici del nuovo coronavirus 2019-nCoV" rivolto a bambini e studenti, di ogni nazionalità, che nei 14 giorni precedenti il loro arrivo in Italia siano stati nelle aree della Cina interessate dall'epidemia. Lo prevede l'aggiornamento da parte del ministero della Salute della circolare per le scuole ispirata "al principio di massima precauzione". Le assenze sono giustificate. "Fermo restando il diritto inalienabile di bambini e ragazzi, di qualsiasi nazionalità, di frequentare liberamente e regolarmente la scuola in assenza di evidenti e conclamate controindicazioni di carattere sanitario, in uno spirito di massima precauzione, il Dipartimento di prevenzione della Asl di riferimento, favorisce una 'permanenza volontaria fiduciaria' a casa sino al completamento del periodo di 14 giorni dalla partenza dalla Cina". "L'aggiornamento delle misure precauzionali di contrasto alla diffusione del coronavirus, deciso dal ministero della Salute, prevede che il ministero della Istruzione dirami a sua volta nuove istruzioni alle scuole". Secondo il presidente dell'Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, "sembra che i dirigenti scolastici saranno chiamati ad attivare il Dipartimento di prevenzione della Asl di riferimento ma solo su segnalazione delle singole famiglie di alunni e studenti tornati dalle regioni cinesi interessate dal contagio nei 14 giorni precedenti". "Per quanto è dato di sapere", ha spiegato Giannelli, il "personale sanitario provvederà in questi casi a rilevare lo stato febbrile e gli altri eventuali sintomi, e questo costituisce un deciso miglioramento rispetto a quanto previsto dalla precedente circolare che affidava il monitoraggio al personale scolastico.






Questo è un articolo pubblicato il 09-02-2020 alle 01:29 sul giornale del 11 febbraio 2020 - 363 letture

In questo articolo si parla di cronaca, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bf4G