Coronavirus, a Cuba il primo morto è un italiano di 61 anni, soffriva di asma bronchiale

1' di lettura 19/03/2020 - Primo morto per coronavirus a Cuba, si tratta di un cittadino italiano di 61 anni. Lo ha riferito il ministero della Salute dell'isola, precisando che sono stati registrati tre nuovi casi che portano il totale a 10. Le condizioni dell'uomo, già affetto da problemi di asma bronchiale, erano peggiorate la notte del 15 marzo.

Una nota del ministero della Salute cubano riportata dal quotidiano ufficiale Granma riferisce che l'italiano era entrato nel reparto di terapia intensiva dell'Istituto di medicina tropicale Pedro Kouri in condizioni critiche e che "nonostante gli sforzi compiuti dal team di terapia intensiva che lo assisteva direttamente, nonche' dal gruppo di esperti del ministero della Salute pubblica che lo ha seguito costantemente, le complicazioni sviluppate della sua malattia hanno causato la morte" dell'uomo di 61 anni. "Siamo profondamente dispiaciuti per quanto accaduto e trasmettiamo ai suoi familiari e amici le nostre piu' sentite condoglianze", sottolinea la nota. Sono attualmente 10 i casi di coronavirus confermati a Cuba. Gli ultimi tre casi sono stati riferiti ieri sera: sono un cittadino cubano di 25 anni rientrato l'8 marzo a Cuba da Madrid, una cubana di 67 anni giunta sull'isola dal New Jersey (Usa) l'11 marzo, e un cittadino nordamericano di 77 anni arrivato dalla California l'8 marzo.






Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2020 alle 12:22 sul giornale del 24 marzo 2020 - 350 letture

In questo articolo si parla di cronaca, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bhZS