A Roma, sino al 22 ottobre, un "Memorial" itinerante per Stefano Cucchi undici anni dopo

1' di lettura 07/10/2020 - "Vogliamo proporvi di dare vita a un Memorial diffuso che abbia al centro i diritti negati e i diritti da affermare. Una vera e propria Maratona degli Affetti che, insieme a voi che ci siete stati vicini, percorra le date che hanno segnato la storia di Stefano: il primo ottobre, suo compleanno, il 15 ottobre, data del suo arresto e il 22, giorno della sua morte". Così ha precisato ultimamente Ilaria Cucchi, in una nota del “Comitato Promotore Memorial Stefano Cucchi” e dell'Associazione Stefano Cucchi.

“Ringraziamo le reti di associazioni e movimenti che ancora una volta sono con noi. In questi giorni, anche alla luce delle brutalità emerse tra le mura del carcere di Santa Maria Capua Vetere (i presunti pestaggi del 6 aprile scorso ai danni di decine di detenuti, sui quali è in corso un’ ’indagine della Procura locale, per reati di tortura e abuso di potere, su 57 agenti della penitenziaria, N.d.R.), è evidente che le ragioni della nostra mobilitazione civile sono più che mai vive".

Le celebrazioni di piantumazione di alberi in memoria di Stefano Cucchi sono iniziate appunto il 1 ottobre, nei Municipi I-II-III-VIII. Il 18 – precisa ancora la nota - si svolgerà la “Staffetta dei diritti”, con 11 tappe a rappresentare 11 diritti negati, 11 battaglie di civiltà (terminerà in Parlamento e toccherà 11 luoghi simbolici di Roma). In ultimo il 22 ottobre si terrà una cerimonia nel giorno della sua morte (che avvenne il 22 ottobre 2009).


di Fabrizio Federici
redazione@vivereroma.org





Questo è un articolo pubblicato il 07-10-2020 alle 08:35 sul giornale del 08 ottobre 2020 - 196 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bxU1