Dal 22 al 24 ottobre, convegno online della "Sapienza" su Epicuro di Samo (341-270 a. C.), maestro antico di sorprendente attualità

3' di lettura 12/10/2020 - Si terrà dal 22 al 24 ottobre, online su Google Meet, il convegno "Epistemologia e Meteorologia: Epicureismo e Dibattiti scientifici", che doveva inizialmente svolgersi alla "Sapienza" di Roma dal 22 al 24 luglio. Si tratta d'un workshop, con la partecipazione di studiosi di rilievo internazionale, che rende omaggio, da piu' punti di vista, ad Epicuro di Samo (341-270 a. C.).

Il maestro che nella Grecia del IV-III secolo a C., sconvolta dalla conquista macedone (quando Alessandro muore a Babilonia, nel 323 a. C, Epicuro ha 18 anni e già si dedica alla filosofia), elabora un sistema di pensiero - dalla metafisica alla fisica, dall’etica alla politica - che, coerentemente con l'idea ellenistica della filosofia come farmaco per i tormenti umani, allevia le angosce dei suoi connazionali e apre a tutto lo scibile nuove strade (riprese poi da Rinascimento, Illuminismo e pensiero contemporaneo).

Il workshop - organizzato dalla Sapienza e dall'Università "Cà Foscari" di Venezia - è aperto a chiunque sia interessato (per informazioni o per essere ammessi, è possibile contattare il professor Francesco Verde all’indirizzo francesco.verde@uniroma1.it ).

Dopo i saluti e l'apertura dei lavori, da parte dei docenti universitari Francesco Verde (Sapienza) e F.G.Masi (Ca' Foscari di Venezia), giovedì 22 ottobre gli altri accademici T. Dorandi (CNRS di Parigi) e D. Korstan (New York University) si soffermeranno, rispettivamente, su quella che è la trattazione degli epicurei nelle "Vite dei filosofi", sorta di Dizionario dei pensatori scritto dallo storico del II-III secolo d.C. Diogene Laerzio (da non confondere col celebre Diogene il cinico!), e sulla gravità, la forma e la collocazione della Terra nel pensiero del maestro di Samo.

Seguiranno, venerdì 23 ottobre, gli interventi dei docenti dell'Università di Pisa G. Barbieri e M. Erbì, rispettivamente su Epicuro e la scuola di Cizico e sui frammenti pervenutici dell'epistolario del filosofo; e di D. de Sanctis (Università della Tuscia) su un possibile "Lessico meteorologico" dell'uomo di Samo. Il tutto si concluderà sabato 24, con altri interventi (tra i quali, di particolare attualità quello di D. Leith, Università di Exeter, Regno Unito, su "Atomismo e medicina"), seguiti dalle conclusioni del Prof. P. M. Morel, dell'Università Parigi1-Panthèon-La Sorbona.

Sarà un appuntamento (su cui torneremo alla sua conclusione) che ci auguriamo riesca a focalizzare la sorprendente attualità di Epicuro, al di là della piena condivisibilità o meno di alcune sue teorie. Il pensatore che parte come stretto epigono di Democrito di Abdera (nato nel 460-459 a.C., contemporaneo di Socrate e Platone), il primo grande formulatore - millenni prima di Einstein - della fisica atomistica, e poi se ne stacca per aver introdotto, nella teoria del movimento degli atomi, il fattore casualità (contro il rigido determinismo di Democrito). Il filosofo che vuole liberare l'uomo dai due grandi timori, quello degli dèi (che, sostiene Epicuro, non si curano minimamente delle vicende umane) e quello della morte (che, in quanto fine di tutte le sensazioni, azzera, in chi muore, qualsiasi percezione "postmortem”, e quindi non va temuta). Il saggio che, senza sminuire l'essenzialità della scelta dell’uomo per il bene, identifica il senso della vita soprattutto nella ricerca del piacere, inteso come soddisfazione dei bisogni naturali, necessari, dell'uomo (non eccessivi e superflui, come il lusso: singolare analogia col buddhismo). L’uomo, infine, che esalta i legami affettivi, l’amicizia, la solidarietà umana, e, pur riconoscendone l’indispensabilità, disprezza la politica, in quanto inevitabile fonte di corruzione e di turbamento. Più attuale di così…


di Fabrizio Federici
redazione@vivereroma.org


...
...

Scarica il volantino...






Questo è un articolo pubblicato il 12-10-2020 alle 07:59 sul giornale del 13 ottobre 2020 - 237 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bylO