A Roma sino al 17 ottobre, l'XI Congresso nazionale dell' Associazione Italiana Medici Oculisti

2' di lettura 16/10/2020 - "Una buona vista supera le distanze". È con questo slogan che è iniziato a Roma, ieri, 15 ottobre, l’XI Congresso nazionale dell’Associazione Italiana dei Medici Oculisti (AIMO). L’evento, informa un comunicato ufficiale dell’ AIMO, in programma sino a sabato 17 ottobre (presso l'Hotel "NH Collection Roma Vittorio Veneto", in Corso Italia), è il primo in Italia nel campo dell'oftalmologia che sarà realizzato con formula “ibrida'”, cioè con relatori in presenza e partecipanti a distanza.

Dal glaucoma , il "ladro silenzioso della vista " che oggi rappresenta una delle piu' diffuse patologie oculari in tutta Europa, alla chirurgia della retina, dalla cataratta al cheratocono, dal laser micropulsato al cross-linking corneale, fino alle ultime novità nel campo dell’oftalmoplastica, passando per la telemedicina e la comunicazione medico-paziente, fino alle buone pratiche per le visite oculistiche in tempo di Covid-19. Sono tanti gli argomenti affrontati dai relatori nel corso di 3 giornate ricche di appuntamenti, durante le quali saranno assegnati anche diversi riconoscimenti: tra cui il Premio AIMO 2020 al professor Giorgio Marchini, il Premio per l’impegno per la ripresa del post-Covid a Roberto Messina, presidente di Senior Italia Federanziani, e il Premio Melchionda al miglior e-poster.

“Nonostante le tante difficoltà dovute al Covid-19 siamo riusciti ad organizzare il nostro Congresso”, spiega il presidente di AIMO, Luca Menabuoni. “Ma è un Congresso che ci costa ‘lacrime e sangue’, perché ci siamo dovuti adeguare a tutto quello che è cambiato e che ancora sta cambiando. Il nuovo Dpcm, firmato nei giorni scorsi, ha cambiato in opera il nostro programma congressuale e la possibilità di avere presenze o meno. Riusciremo comunque a portare tutti, o quasi tutti, i relatori in presenza, e ci avvarremo di un ‘regista’ che riuscirà a coordinare i vari gruppi di interazione anche con il pubblico, che ovviamente sarà a casa.

Durante l’XI Congresso nazionale saranno affrontati tutti gli argomenti di attualità del settore. “Saranno presentati video sulle chirurgie complesse, si parlerà di patologie della cornea, del glaucoma, di chirurgia della retina, di comunicazione e telemedicina”, spiega ancora il presidente Menabuoni. “Sono inoltre previsti tavoli riservati ai gruppi di lavoro dedicati alla redazione di linee guida riconosciute dall'Istituto superiore di Sanità: per la chirurgia della cataratta nell'adulto, per le terapie intravitreali, per la diagnosi e terapia del melanoma coroideale e per la corretta profilassi antibiotica in oftalmologia".


di Fabrizio Federici
redazione@vivereroma.org





Questo è un articolo pubblicato il 16-10-2020 alle 08:57 sul giornale del 17 ottobre 2020 - 216 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byKq