Roma. \"liberate il Pincio dal cantiere\"

1' di lettura 12/06/2008 -

Finalmente il sindaco Alemanno è andato a visionare lo scempio  fatto alla bellissima terrazza del Pincio. E\' qualcosa di inconcepibile un parcheggio di 5 piani dentro la collina del Pincio, solo persone celebrolese possono concepire una cosa del genere. .



La terrazza del Pincio fin dall\'800° è stata scelta dal popolo, dalla nobiltà romana come luogo di incontro, anche i papi (vedi il beato Pio IX) amavano passeggiare al tramonto e contemplare una veduta unica su Roma. Piazza del Popolo le cupole e i tetti della città eterna sono da questa collina qualcosa di sugestivo che attira miglia di turisti al giorno.

Tutti gli amanti del Pincio (tra cui mi pongo anch\'io) romani e non sono rimasti offesi dallo scempio attuato dall\'amministrazione Veltroni. Per noi non può essere concepibile una cosa del genere, la piazza, le palme, le panchine baciate dal sole del tramonto che rendevano quel luogo magico tutto svanito.

Ora è rimasta libera solo una striscia di terrazzo, il resto è tutto recintato con dei cordoli di 3 metri di recinzione di color verde che gridano vendetta contro quelli che hanno attuato questa mostruosità.

Poi si viene a sapere che hanno trovato negli scavi una villa romana del primo secolo dopo Cristo..... Questo lo sapevano anche gli analfabeti, lo sapevano tutti, solo gli amministratori e i progettisti non erano al corrente..... Ciò fa pensare che ci sono sicuramente degli interessi molto più grandi del parcheggio per solo 700 macchine che hanno distrutto un posto così particolare.

Speriamo che la commissione dei 5 saggi dia subito un parere contrario alla costruzione del parcheggio è possa ritornare la bellissima terrazza che ha fatto sognare milioni di persone






Questo è un articolo pubblicato il 12-06-2008 alle 01:01 sul giornale del 12 giugno 2008 - 1027 letture

In questo articolo si parla di attualità, giacomo campanile