Italia: prima in Europa per evasione fiscale

monete| 1' di lettura 06/09/2008 - Indagine \"contribuenti.it\" su un campione di 1.500 cittadini: l\'Italia è il Paese europeo con la maggiore evasione fiscale (il 48% del reddito imponibile non viene dichiarato!). A livello territoriale, l\'evasione è diffusa soprattutto al Sud (34,5% del totale nazionale), seguito dal Nord Ovest (26,5%), dal Centro (20,1%) e dal Nord Est (18,9%).

In Italia non abbiamo la coscienza morale per quanto riguarda i reati che riguardano il fisco. Si cercano tutti i metodi volti a ridurre o eliminare i prelievi fiscali. Di solito le operazioni di vendita sono effettuate senza emissione di fattura o di ricevuta o scontrino fiscale (le c.d. vendite \"in nero\"), con conseguente mancata dichiarazione fiscale e versamento d\'imposta.


Esiste anche una variante molto più grave dell\'evasione, la frode fiscale, che avviene con sofisticati meccanismi che creano un\'apparenza di regolarità, al di sotto della quale si cela però l\'evasione, rendendo così più difficoltosa l\'opera di accertamento dell\'amministrazione finanziaria. Tipico strumento di frode fiscale è l\'inserimento in contabilità di fatture di acquisto false per ridurre l\'imponibile fiscale.


L\'evasione fiscale è punita con sanzioni pecuniarie e oltre una certa soglia di sottrazione di imponibile anche penalmente. La frode fiscale è invece punita molto più severamente della semplice evasione e sempre anche con sanzioni penali dato il suo livello di estrema pericolosità tale da poter compromettere gravemente l\'efficienza dell\'attività di accertamento tributario. In Italia non vale il detto: \"Pagare tutti per pagare meno\".






Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 settembre 2008 - 973 letture

In questo articolo si parla di economia, giacomo campanile, tasse, roma





logoEV