Ticket sui farmaci ‘griffati’

farmaci 2' di lettura 19/09/2008 -

A partire dal 17 settembre 2008 nelle farmacie del Lazio si tornerà a pagare il ticket sui medicinali con differenziazioni a seconda del reddito e dell\'età. La decisione e\' stata presa dal Presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo a causa degli ultimi  tagli del governo alla Sanità.



Tra coloro che saranno esentati dal pagamento sono incluse le fasce più deboli come titolari di pensioni minime, disoccupati, famiglie con reddito inferiore a 11.362 €, le persone al di sopra dei 65 anni e i bambini sotto i sei anni.

Inoltre sono esentati anche i pazienti in attesa di trapianto o donatori, gli affetti da malattie gravi come tumori maligni, gli invalidi (anche da infortunio di lavoro), le vittime di terrorismo e criminalità e gli obiettori di coscienza in servizio civile.

Il ticket da 3,50 € verrà pagato per tutti quei farmaci ancora sottoposti a brevetto, al contrario dei farmaci cosiddetti \"generici\" o con brevetto scaduto per i quali non dovrà essere pagato nessun ticket.

Dovranno invece pagare 1 euro, gli esenti per patologie ma aventi un reddito alto.

Con questa normativa si e\' calcolato che a pagare il ticket sarà il 50% della popolazione e si prevede un risparmio da qui a fine anno di 38 milioni di euro e 140 entro il 2009.

Diversi i commenti al riguardo, se sono arrivate aspre critiche da parte di Donato Robilotta (Pdl) e dal capogruppo di AN Antonio Cicchetti, per il vicepresidente della Giunta regionale Esterino Montino si e\' applicato solo in parte il decreto 10 voluto dal Governo cercando di ridurre al massimo l\'impatto sui cittadini.






Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 19 settembre 2008 - 1261 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, farmaci, Francesca Vennarucci, ticket





logoEV