Ancora razzismo nella capitale

lager 1' di lettura 18/10/2008 -

Sono apparse nella notte su un ponte della tangenziale est di Roma scritte antisemite nere su uno striscione bianco che riportavano frasi come \"L\'olocausto è la più grande menzogna della storia\" con disegnate accanto delle svastiche e firmate Militia.



Il gesto non è casuale infatti il 16 Ottobre, ha avuto luogo la cerimonia commemorativa per il rastrellamento degli ebrei romani del 1943, alla quale hanno partecipato il sindaco Alemanno, il presidente della regione Marrazzo, il presidente della Provincia Zingaretti.


Il tutto si è svolto al Tempio maggiore ed erano presenti anche i rappresentanti delle Comunità ebraiche di Roma e il Rabbino capo Riccardo Di Segni durante la cerimonia tutti hanno sottolineato l\'importanza della memoria affinché non si verifichino più atti del genere, e che la storia serva come monito alle generazioni future per una più facile integrazione e per evitare atti di razzismo come quelli ai quali abbiamo assistito ultimamente.


Ma a quanto pare \"verba volant...\" per alcuni e all\'ignoranza deve seguire una risposta più decisa con normative più dure che puniscano atti di questo genere e una diffusione più capillare di fatti storici acclamati.






Questo è un articolo pubblicato il 18-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 18 ottobre 2008 - 763 letture

In questo articolo si parla di attualità, razzismo, Francesca Vennarucci





logoEV