I luoghi del cuore

13' di lettura 04/02/2009 -

Sono stati presentati ieri a Milano,  alla presenza della Presidente del FAI (Fondo Ambiente Italiano), Giulia Maria Mozzoni Crespi, e del Consigliere Delegato e CEO di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, i risultati finali della 4° edizione de \"I luoghi del cuore\", cancelliamo insieme le brutture d\'Italia.

All\'iniziativa hanno partecipato oltre 110.000 italiani. In evidenza i dettagli dei luoghi più votati nel Lazio.



Anche per questa edizione sono stati moltissimi gli italiani, oltre 110.000, che si sono concretamente mobilitati - attraverso le oltre 5.600 filiali di Intesa Sanpaolo, per posta e via Internet - per \"I luoghi del cuore\", l\'ormai tradizionale censimento del FAI realizzato in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Non un concorso a premi, nessun vantaggio strettamente individuale da ottenere: ma un\'iniziativa che mette in relazione ideali e interessi collettivi il cui monte-premi è il miglioramento dell\'ambiente in cui viviamo.

Le migliaia di adesioni al censimento sono il segno dell\'esistenza di Cittadini con Cuore, persone sensibili che vogliono essere protagoniste attive di un cambiamento, ma che hanno la consapevolezza di trovare nei Luoghi del Cuore uno strumento che offre grande risonanza alle loro speranze e alle loro battaglie. Ecco perché il censimento del FAI diventa qualcosa di cui appropriarsi.

\"Cancelliamo insieme le brutture d\'Italia\" era il tema del censimento 2008. E in testa ai luoghi segnalati dai cittadini, con 7.052 voti, c\'è il Castello della Colombaia di Trapani. Non una bruttura, anzi, un capolavoro le cui fondamenta risalgono addirittura ai Cartaginesi. Ma la \"bruttura\" sta nell\'intrico burocratico che ne sta da anni ritardando il recupero e causando di conseguenza un degrado sempre più accentuato. Il Comune di Trapani chiede dal 2002 al Demanio il passaggio di proprietà per affrontare i lavori di restauro e rifunzionalizzazione del forte, ma una lunga e complessa trafila burocratica, che si è rivelata irta di ostacoli, ha finora impedito ogni intervento. Al secondo posto 5.258 segnalazioni contro la possibile scomparsa della storica Libreria Bocca di Milano, che rischia di essere chiusa perché il nuovo contratto d\'affitto - la libreria ha sede in Galleria Vittorio Emanuele - è insostenibile per un piccolo negozio storico. Al terzo posto con 4.737 voti le antenne, già esistenti e in progetto, e i resti di un albergo diroccato sul Monte Gennaro a Palombara Sabina (Roma). A seguire 4.659 segnalazioni contro il progetto di abbattimento delle Carceri storiche di Trento, i cui abitanti sono preoccupati di perdere un monumento simbolo della città. 4.635 voti per l\'Area Militare in dismissione di Vitinia, nel Comune di Roma, una splendida area verde che rischia di essere soffocata da una colata di cemento. Tra le segnalazioni più numerose, seguono quelle contro il degrado e l\'abbandono di Villa Sanna a Sassari e della Chiesa di San Ruffino a Mongiardino in provincia di Alessandria.

Il censimento dimostra che la sensibilità della gente è aumentata e che si è fatta largo nella mentalità degli italiani la consapevolezza che esistono beni di tutti, beni comuni di cui ciascuno è \"comproprietario\". La nostra aria, la nostra acqua, il nostro paesaggio: un patrimonio in pericolo che è dovere dei cittadini difendere a ogni costo, alleandosi con le istituzioni o esortandole a intervenir là dove invece latitano.

Il FAI si renderà portavoce delle segnalazioni degli italiani e anche attraverso l\'azione capillare delle sue cento delegazioni provinciali, solleciterà le autorità preposte affinché tengano in considerazione ciò che ferisce il cuore dei cittadini, sensibilizzando Sindaci, Soprintendenze, Presidenti di Regioni. Nei prossimi mesi si procederà quindi a un monitoraggio delle realtà segnalate dal censimento in modo da poter intervenire concretamente per il salvataggio dei luoghi più segnalati.

Il FAI ringrazia per la collaborazione MSN - Windows Live, il network online di Microsoft che ha creato un mini sito appositamente dedicato al censimento e il Gruppo Editoriale l\'Espresso, che ha messo a disposizione i suoi mezzi, tra cui il portale di Kataweb, per invitare tutti i cittadini a votare; per la disponibilità LaFeltrinelli e Ricordi Mediastores. Grazie ad Antonio Ricci e \"Striscia la notizia\" per il supporto dato a \"I Luoghi del Cuore\".

TRA I LUOGHI PIU\' VOTATI IN LAZIO

Posizione

Numero votazioni 4.737

Monte Gennaro, Palombara Sabina (RM) - contro le antenne esistenti e contro il progetto di installarne delle nuove e contro i resti dell\'albergo diroccato

Posizione

Numero votazioni 4.635

Area militare in dismissione denominata \"ex terzo deposito carburanti\" a Vitinia, Roma - contro la realizzazione del progetto di cementificazione

39°

Posizione

Numero votazioni 348

Borgate Finocchio e Pantano Borghese, Roma - contro le numerose affissioni pubblicitarie

42°

Posizione

Numero votazioni 305

Riserva naturale di Maccarese, Fiumicino (RM) - contro i cavi aerei

45°

Posizione

Numero votazioni 280

Parco del Pincio di Villa Borghese, Roma - contro una parte delle recinzioni

71°

Posizione

Numero votazioni 141

Città di Roma - contro la sporcizia

80°

Posizione

Numero votazioni 105

Centrale a carbone in località Torre Valdaliga, Civitavecchia (RM) - contro i complessi industriali

85°

Posizione

Numero votazioni 94

Piana di Torre Alfina, Acquapendente (VT) - contro il progetto della cava di basalto

87°

Posizione

Numero votazioni 91

Fontana di Testaccio sul lungotevere Testaccio, Roma - contro le scritte sulla fontana

89°

Posizione

Numero votazioni 89

Terrazza del Pincio, Roma - contro la costruzione del parcheggio

97°

Posizione

Numero votazioni 67

Città di Roma - contro i graffiti

98°

Posizione

Numero votazioni 65

Ara Pacis, Roma - contro la nuova struttura

100°

Posizione

Numero votazioni 63

Parco dell\'Insugherata, Roma - contro l\'abusivismo edilizio








Questo è un articolo pubblicato il 04-02-2009 alle 01:01 sul giornale del 04 febbraio 2009 - 941 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, fai, milano, lazio