La Merkel attacca il Papa

2' di lettura 05/02/2009 - Se cerchiamosu internet non troviamo nessuna foto della signora A.Merkel insieme con  il Papa , cosa molto strana per due capi di stato che si rispettino.


Mi trovavo in Germania precisamente a Berlino vicino allo stadio di calcio circa un\'anno fa mentre ascoltavo le spiegazioni della guida, mi viene in mente di fare una domanda che formulo in questa maniera: \"siete contenti in Germania di avere un Papa Tedesco\" mi risponde in modo telegrafico \"il Papa? non è tedesco è bavarese\" ecco cosa pensano del capo della Chiesa Cattolica molti tedeschi di matrice protestante. Questo episodio ci fa riflettere sull\'intervento che ha pochi precedenti, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha chiesto ulteriori chiarimenti al Vaticano sulla revoca della scomunica al vescovo anti-semita, Richard Williamson, uno dei quattro ultra-tradizionalisti riammessi nella Chiesa cattolica, definendo le giustificazioni date finora dalla Santa Sede «insufficienti». «È necessario che da parte del Papa e del Vaticano sia detto chiaramente che non può esserci negazione dell\'Olocausto», ha dichiarato il cancelliere, con parole che hanno creato imbarazzo e nervosismo Oltre-Tevere,in effetti il Papa si è espresso molte volte condannando l\'olocausto. In serata, il Vaticano ha replicato con una nota del suo portavoce, padre Federico Lombardi, che ha elencato i molti pronunciamenti contro il negazionismo fatti da Benedetto XVI, durante il suo pontificato fino all\'ultima udienza di mercoledì scorso, quando Ratzinger ha espresso la sua incondizionata solidarietà ai «fratelli» ebrei ed ha chiesto che la Shoah rimanga per sempre monito contro ogni oblio. «La condanna di dichiarazioni negazioniste dell\'olocausto non poteva - ha commentato Lombardi - essere più chiara, e dal contesto risulta evidente che essa si riferiva anche alle posizioni di mons. Williamson e a tutte le posizioni analoghe».La Conferenza episcopale italiana, da parte sua, ha espresso la sua «incondizionata adesione» alla decisione di Benedetto XVI di revocare la scomunica, ma ha chiesto ai tradizionalisti un\'accettazione del Concilio Vaticano II «nella sua interezza», ovvero anche nei nuovi rapporti sanciti tra cattolicesimo ed ebraismo.







Questo è un articolo pubblicato il 05-02-2009 alle 01:01 sul giornale del 05 febbraio 2009 - 868 letture

In questo articolo si parla di attualità, giacomo campanile, papa benedetto xvi