Stupri nella capitale, l\'autore è un maniaco seriale

stupro 1' di lettura 08/07/2009 - Un solo dna per i tre casi di violenza sessuale commessi nelle ultime settiamane a Roma. A confermalo sono i risultati degli accertamenti di laboratori che sono stati consegnati ai pm Maria Cordova e Antonella Nespola.

A violentare le tre donne è stato quindi lo stesso uomo. La prima vittima del maniaco seriale è stata la donna stupratata il 5 aprile all\'Ardeatino, poi è stata la volta della giornalista violentata il 4 giugno alla Bufalotta e infine la studentenssa violentata nel garage sotto casa nella notte tra il 2 e il 3 luglio in via Sommer, sempre nel quartiere Ardeatin0.


Gli agenti della squadra mobile intanto stanno concentrando le indagini su alcuni dettagli che il maniaco seriale ripeterebbe, come una sorta di rituale, in ciascuno degli stupri. In particolare un gesto morboso, che attiene alla sfera sessuale, perpetrato anche dopo lo stupro per rafforzare la condizione di possesso sulla donna. E poi i luoghi scelti per le aggressioni. Il maniaco seriale ha finora agito sempre in nuovi quartieri residenziali lontani dal centro di Roma e vicini al raccordo anulare, via di fuga privilegiata dopo gli eventi delittuosi.


E\' stata invece smentita dagli inquirenti la voce circolata nei giorni scorsi secondo la quale il maniaco sarebbe stato visto scappare a bordo di una Smart.






Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2009 alle 17:37 sul giornale del 08 luglio 2009 - 1082 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli





logoEV