Progetto Mare Sicuro: unità cinofile per pattugliare le coste della Provincia

2' di lettura 05/08/2009 - Terranova, Labrador e Golden Retriever: sono i nuovi bagnini del litorale romano. Cani salvataggio in azione fino al 30 agosto per rafforzare la sicurezza dei bagnanti. Un progetto pilota fortemente voluto dall\'assessore al Turismo Patrizia Prestipino. Il progetto \'Mare sicuro\' è stato realizzato con la capitaneria di porto di Civitavecchia. I cani salvataggio sono della scuola Tirreno.

L’assessore provinciale alle Politiche del Turismo, Patrizia Prestipino, ha presentato nella Sala della Pace di Palazzo Valentini il progetto \"Mare Sicuro\".
Il progetto, realizzato dalla Scuola Cani di Salvataggio Tirreno in collaborazione con la Provincia di Roma e in partnership con la Capitaneria di Porto di Civitavecchia e la Società Nazionale di Salvamento sezione di Anzio e Nettuno, prevede il dislocamento, fino al 30 agosto, di unità cinofile lungo le coste della provincia di Roma.

Le unità cinofile pattuglieranno le spiagge sia via terra, attraverso l’istituzione di 3 postazioni fisse (Nettuno, Civitavecchia e spiaggia di Sant’Agostino) sia via mare, grazie alla collaborazione con la Guardia Costiera, per garantire un’adeguata copertura del servizio di salvataggio in mare, soprattutto nei tratti non serviti da stabilimenti, dove la mancanza di controlli e il rischio di incidenti sono maggiori.

\"Questo progetto - ha spiegato l\'assessore Prestipino - vuole rendere più serene e sicure le nostre vacanze, pattugliando soprattutto le spiagge libere. È un progetto pilota che se dovesse andare bene, come credo, verrà replicato e rafforzato\".

Le unità cinofile impegnate saranno 40 e svolgeranno le loro attività nei week end e nei giorni di maggiore affluenza sulle spiagge. Ogni unità cinofila è costituita da un cane addestrato e brevettato al salvataggio nautico e da un operatore, anch’egli brevettato come assistente bagnanti.

La coppia uomo/cane, è in grado di trainare a riva, anche da grandi distanze, fino a tre persone contemporaneamente e riceve una preparazione che permette di operare in qualsiasi condizione meteorologica e da qualsiasi mezzo, inclusi gli elicotteri e le motovedette della Guardia Costiera.

Le unità cinofile cercheranno di sensibilizzare l’utente della spiaggia al tema della sicurezza in mare e svolgeranno attività di informazione e prevenzione.
Oltre ad informare su condizioni meteo-marine, potenziali pericoli e comportamenti scorretti, le unità cinofile attueranno un programma di formazione dell’utente della spiaggia, distribuendo ai bagnanti un opuscolo informativo, che, utilizzando l’immagine familiare e vicina a bambini e famiglie del “cane amico dell’uomo”, fornirà nozioni sulla sicurezza e sulle norme relative alla balneazione.

Il presidente della scuola salvataggio \"Tirreno\" Roberto Gasbarri, intervenuto all’incontro, ha raccontato un salvataggio avvenuto un paio di settimane fa sulla spiaggia di Sant\' Agostino, con uno dei cani impegnato nel soccorso di un 45enne in difficoltà a 100 metri dalla riva.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2009 alle 22:08 sul giornale del 05 agosto 2009 - 1222 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, bagnini di salvataggio, unità cinofile, provincia di roma





logoEV