Castel Sant\'Angelo in musica gratuitamente

3' di lettura 08/10/2009 - Inizia venerdì 9 ottobre alle ore 17 con un concerto dello JANUA TRIO, la quarta edizione della rassegna concertistica romana dal titolo Castel Sant’Angelo in musica - \"Museo in musica - visitare l’arte, ascoltando l’arte”. L\'ingresso è libero.

Dal 9 ottobre al 13 novembre 2009 nella Sala Paolina tutti i venerdì ore 17, articolata in 6 concerti, la rassegna è promossa e sostenuta dall’ENAP- PSMSAD (Ente Nazionale di Assistenza e Previdenza per i Pittori e gli Scultori, i musicisti, gli scrittori e gli autori drammatici). 
I 6 concerti vengono eseguiti nella Sala Paolina, la più prestigiosa dell’intero castello durante l’orario e il percorso di visita al museo. Sono a ingresso gratuito per i visitatori.
Il ciclo di Concerti attraversa atmosfere, epoche, timbri in un percorso variegato di ascolti, di organici strumentali, di stili. 
Dall’insolito accostamento del Sax insieme con il violino – e la viola – e il pianoforte (con lo Janua Sax), dove ritmo e melodia si alternano in un repertorio della nostra epoca, alle calde e intriganti raffinatezze armoniche delle composizioni chitarristiche di Villa Lobos (chitarrista, Adalisa Castellaneta), alla “classica” proposta di Enrico Pieranunzi e del “suo” Scarlatti, per stabilire una continuità di estro che attraversa i secoli. 
Il violoncello e la sua duttilità nel repertorio cameristico segna gli altri tre appuntamenti. 
In duo con il pianoforte (Sebastiano Brusco, pianoforte; Valeriano Taddeo, violoncello), si propongono brani di grande popolarità e di sicura suggestione. 
In trio (Claudio Corsi, violino;Kyung-mi Lee, violoncello; Lisa Taeschner, pianoforte), lo strumento si presenta insieme con il Violino e Pianoforte oppure (Giampietro Giumento, clarinetto; Vito Paternoster, violoncello; Adriano Paolini, pianoforte) con il Clarinetto e pianoforte. Si può così osservare l’evoluzione del ruolo dello strumento da Mozart a Ravel e le sue reminiscenze etniche nel suo Trio o il fondersi con le variabili timbriche del clarinetto, in un programma che oltre a mettere a confronto due epoche, afferma l’armonica ciclicità e compiutezza dei 6 concerti.


INFO tel. 06 3221944 E-mail: info@enteenap.it


GLI ALTRI CONCERTI IN PROGRAMMA

Adalisa Castellaneta, chitarra _ venerdì 16 ottobre 2009, ore 17 
Adalisa Castellaneta chitarra 
omaggio a Heitor Villa-Lobos

Enrico Pieranunzi, pianoforte 
venerdì 23 ottobre 2009, ore 17 
Enrico Pieranunzi pianoforte 
musiche di Pieranunzi, Scarlatti

Duo violoncello e pianoforte 
venerdì 30 ottobre 2009, ore 17 
Sebastiano Brusco pianoforte 
Valeriano Taddeo violoncello 
musiche di Faurè, Beethoven, Schumann

Trio Borromini 
venerdì 6 novembre 2009, ore 17 
Claudio Corsi violino 
Kyung-mi Lee violoncello 
Lisa Taeschner pianoforte 
musiche di Mozart, Schubert, Debussy

Trio clarinetto, violoncello e pianoforte 
venerdì 13 novembre 2009, ore 17 
Giampietro Giumento clarinetto 
Vito Paternoster violoncello 
Adriano Paolini pianoforte 
musiche di Bellafronte, Brahms

La Sala Paolina 
La Sala Paolina costituisce indubbiamente l’ambiente di maggior prestigio degli appartamenti farnesiani in particolare e dell’intero Castello in generale, destinato ad accogliere ambasciatori e visitatori illustri: un vero e proprio salone di rappresentanza dotato di un apparato fastoso e curatissimo, tale da destare immediatamente l’ammirazione e la meraviglia dei visitatori. Il complesso ciclo di affreschi, realizzato tra il giugno 1545 e il settembre 1547 dal toscano Perin del Vaga e dalla sua bottega, è finalizzato all’esaltazione della figura di Paolo III, ritratto quale trai-d’union tra i fasti della Roma imperiale e lo splendore della cristianità.






Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2009 alle 10:54 sul giornale del 08 ottobre 2009 - 1094 letture

In questo articolo si parla di cultura, giacomo campanile, Castel Sant\'Angelo roma





logoEV