Ai confini della realtà. Viaggio nel mondo dell’irrazionale tra folli, maghi, angeli e fantasmi

6' di lettura 19/07/2010 -

 In scena fino al 25 luglio presso il Parco delle Accademie in XI Municipio la rassegna teatrale “AI CONFINI DELLA REALTÀ’”- Viaggio nel mondo dell’irrazionale tra folli, maghi, angeli e
fantasmi, proposta, dopo il successo ottenuto l’anno scorso, dall’Associazione Culturale Teatrale Il Palcoscenico nell’ambito del programma dell’Estate Romana 2010.

 



Il programma ad ingresso gratuito è composto da undici spettacoli diversi, per grandi e piccini, in 10 giorni (dal 16 al 25 luglio 2010) e il tema della rassegna viene presentato così dal suo direttore artistico Roberto Bencivenga: “Nella società di oggi, sempre più orientata verso un convinto materialismo, sentiamo spesso la necessità di rifugiarci da “qualche altra parte”, sfuggire alla routine quotidiana, che ci appare scontata e ovvia, per sentirci di nuovo liberi di lasciare andare a briglia sciolta la nostra fantasia. Ed ecco allora nascere i giochi di ruolo o i vari “second life”, dove si può sfuggire, almeno virtualmente, al grigiore della realtà quotidiana. Ma il desiderio dell’uomo di spaziare con la propria mente nei meandri più oscuri e affascinanti dell’irrazionale, nasce con l’Uomo stesso, e fa parte integrante dell’esistenza. Follia, magia e soprannaturale sono molto più all’ordine del giorno di quanto si possa credere e sono tematiche che da sempre hanno appassionato gli artisti, specie quando la follia diventa storia o quando si cerca di ricondurre il soprannaturale alla natura e alle spiegazioni, non sempre convincenti, della scienza. Ed ecco allora il perché di questa rassegna che andiamo a proporre: raccontare, attraverso il teatro, alcune vicende dove si è “ai confini della realtà”, dove l’irrazionale è motivo scatenante dell’ispirazione artistica, sia essa seria e documentata o più semplicemente ironica e divertita”

La manifestazione, realizzata con il sostegno del Comune di Roma - Assessorato alle Politiche
Culturali e della Comunicazione, spazia tra diversi generi e periodi cominciando il 16/7 con una commedia brillante di R. Bencivenga, dal titolo “FOLLI, SEMPRE FOLLI, FORTISSIMAMENTE FOLLI”, che tratta in modo ironico e divertente, ma con finale agghiacciante, il tema della pazzia e dei manicomi, per proseguire il 17/7 con “FOLLIE DELL’OPERETTA” , uno spettacolo che mostra i lati più incredibili di quello che una volta era definito “mondo da operetta”, mentre il 18/7 , nella riduzione teatral-musicale del celeberrimo racconto di Oscar Wilde “lL FANTASMA DI CANTERVILLE”, un “cattivissimo” fantasma viene vituperato, prima, e sconfitto,poi, dalla razionalità e dal materialismo imperante già alla fine dell’800 nella nascente società americana. Il 19/7 è di scena la follia tra storia e leggenda con “LE TROIANE” di Euripide; la guerra è sempre una follia, quando poi scoppia per un tradimento amoroso, dura dieci anni, finisce con una città completamente distrutta e con migliaia di morti in ambedue gli schieramenti è non solo una follia, ma un monito alle future generazioni, purtroppo spesso inascoltato. Il surreale di “FEMMINILE”caratterizza il 20/7: un uomo si sveglia una mattina e si scopre trasformato in donna. Prendendo spunto da un paradosso kafkiano, lo spettacolo ci mette fronte ad alcune delle nostre più nascoste paure, tra cui, appunto, quella di non essere più noi stessi…o forse di scoprire che non si è quello che si pensa di essere. Protagonisti i bambini …. di tutte le età il 21/7 in una serata magica con un doppio spettacolo (il primo con inizio alle ore 19, il secondo alle 21,15) con titoli che non hanno bisogno di presentazione: la fiaba soprannaturale per antonomasia: “PINOCCHIO”e, a seguire, “LA BELLA ADDORMENTATA”. Tra streghe, fate, incantesimi e maledizioni verremo proiettati ancora una volta nel mondo delle fiabe, nel quale tutti, piccoli o grandi, vorremmo ogni tanto poterci rifugiare. Di nuovo la follia il 22/7 con lo strambo ditirambo frutto del secolo barocco “CABAROCCHET”, ovvero quando la follia ci permette di flirtare con le parole e la musica fino a trasformare quello che una volta era serioso e appassionato in un divertissement stravagante e ironico: un “cabaret barocco. Il 23/7 ci permette di riflettere su una delle “lucide follie”, che l’umanità intera non dovrà mai dimenticare: “La Shoah”:“ROMA-AUSCHWITZ ANDATA E RITORNO” ci racconta la storia vera di Settimia Spizzichino, unica donna del ghetto di Roma tornata dai campi di sterminio, nel decennale della sua scomparsa, in uno spettacolo dove i fantasmi del passato e del ricordo diventano protagonisti. Ancora il sovrannaturale in scena il 24/7 con “C’E’ SEMPRE QUALCUNO CHE VEGLIA SU DI TE”, comicissima novità di R. Bencivenga, che ha per protagonista un angelo custode, molto particolare, alle prese con ben due anime da proteggere. La rassegna chiude il 25/7 con una commedia dove uno dei protagonisti comincia a vivere proprio quando, morendo, diventa un fantasma: “MUORI, AMORE MIO!” divertentissima pièce di A. De Benedetti, nel quarantennale della scomparsa del celebre commediografo.

Nell’ambito della rassegna, per poter meglio approfondire i temi trattati, in modo più o meno serio negli spettacoli proposti, vengono organizzati, a ingresso gratuito, tre incontri dibattito che possono offrire al pubblico degli spunti di riflessione e di maggiore informazione.
Il primo incontro, il 16/7 ore 19,00, ha per tema: “Legge Basaglia: quali i risultati dopo trent’anni dall’applicazione?”, e, grazie alla partecipazione del dott. Stefano Zengarini, psicologo e psicoterapeuta, responsabile del Centro Diurno Asl Roma C – Dipartimento di salute mentale, si propone di fare un punto sulla legge che ha rivoluzionato il modo di intendere, di curare e di integrare nella società, le persone che presentano problematiche legate alla sfera psichica.
Il secondo, il 20/7 ore 19,00, ha per tema “Il paranormale: mistero o suggestione?” e sarà tenuto dalla dott.ssa Cristiana Vignoli, scrittrice di libri di metafisica e ideatrice del “magnetic healing”, un metodo scientifico e non solo “che intende sviluppare le potenzialità magnetiche dell'anima per non dimenticare chi siamo stati, perché siamo scesi in questa vita della materia e per non temere la vecchiaia ed il trapasso nell'Altrove” (www.magnetichealing.it).
Nel terzo incontro, “Roma e la Shoah”, il 23/7 ore 19,00,: la dott.ssa Vera Michelin Salomon, Presidente dell’Associazione Nazionale Ex Deportati sezione di Roma, parlerà della sua diretta esperienza nei campi di concentramento nazisti e ricostruirà storicamente gli avvenimenti romani legati alla persecuzione razziale, a cominciare dalle leggi per la difesa della razza del ’38, fino alla tragica deportazione del 16 ottobre 1943 e alla liberazione.
TITOLO “AI CONFINI DELLA REALTA’” -Viaggio nel mondo dell’irrazionale tra folli, maghi, angeli e fantasmi

SEDE Parco delle Accademie (incrocio via A. Ambrosini-p.zza del Caravaggio-via delle Accademie) XI Municipio

PERIODO 16-25 luglio 2009

ORARI ore 21.15 spettacoli (tranne il 21/7 anche alle ore 19.00)
ore 19.00 dibattiti del 16, 20 e 23/7

INGRESSO gratuito

INFO tel 06/5191261








Questo è un articolo pubblicato il 19-07-2010 alle 01:09 sul giornale del 19 luglio 2010 - 913 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Cinzia Mazzarini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/al0





logoEV