Emergenza sangue, Campidoglio e Croce Rossa insieme per campagna donazioni

4' di lettura 27/07/2010 -

Trentamila sacche da raccogliere nei prossimi mesi per far fronte alle emergenze sanitarie della Regione Lazio: questa la sfida accolta dal Campidoglio (Protezione Civile) e dalla Croce Rossa Italiana, che lanciano una campagna pubblica di donazione del sangue.L'appuntamento, per i cittadini che vogliono aderire all'appello, è per giovedì 29 luglio, dalle 8 alle 12,30 alla sede C.R.I. di via Bernardino Ramazzini 31. 



La campagna coinvolge direttamente le organizzazioni di volontariato della Protezione Civile convenzionate con il Campidoglio, i giovani del Servizio Civile Nazionale che prestano servizio nel settore e il gruppo donatori dell'I.P.A., l'Istituto di Previdenza e Assistenza del Comune di Roma.

"Un'importante iniziativa di partecipazione solidale", commenta Tommaso Profeta, direttore della Protezione Civile comunale, "per far luce sulla necessità di aumentare le scorte di sangue a disposizione dei cittadini romani e laziali". Un messaggio che si fa più forte "alla vigilia delle vacanze estive, quando la risposta alle emergenze sanitarie diventa più complessa".

I cittadini che volessero dare il loro sostegno all'iniziativa possono recarsi presso la sede della CRI in Via Ramazzini 31 dalle 8 alle 12.30.

E' importante
- essere a digiuno da almeno 8 ore. Si puo' bere succo di frutta o caffè zuccherato, ma è assolutamente vietato bere il latte.
- portare con sè un documento di riconoscimento valido (per stranieri passaporto).

Premesso che sarà il medico della struttura sanitaria a valutare l'idoneità per la donazione mediante un questionario, elenchiamo qui di seguito le caratteristiche richieste per donare il sangue.

CHI PUO' DONARE IL SANGUE:
età: tra i 18 e i 65 anni (60 anni se si dona la prima volta)
peso: non inferiore ai 50 kg
pressione arteriosa (max) : tra 110 e 180
pressione arteriosa (min): tra 60 e 100
polso: ritmico regolare
Emoglobina: 12,5 g/dl nelle donne
13,5 g/dl negli uomini

CHI NON PUO' DONARE IL SANGUE:
persone con tumori, malattie cardiache, malattie ematologiche, Epatite B, Epatite C, AIDS, Terapie Croniche (pressione arteriosa, malattie autoimmuni, malattie degenerative), Soggiorno presso Regno Unito tra 1980 e 1996 per più di 6 mesi.

Fattori che determinano l'esclusione temporanea della donazione:
Parto - per 1 anno, Aborto - 6 mesi, viaggi in paesi a rischio malaria ed infettivo (africa-medio oriente-estremo oriente-sud america 6 mesi, mononucleosi 6 mesi, profilassi antitetanica 6 mesi, interventi chirurgici 4 mesi, piercing 4 mesi, tatuaggi 4 mesi, trasfusione sangue ed emoderivati 4 mesi, gastroscopia 4 mesi, endoscopia 4 mesi, rapporti sessuali occasionali 4 mesi, immunoglobulina o plasmaderivati 4 mesi, punture accidentali 4 mesi
viaggiatori provenienti dal Messico- viaggi negli USA rischio West Nile Virus 30gg, febbre >38 2 settimane, farmaci occasionali(aspirina.antibiotico.aulin) 5/7 giorni, raffreddore 5/7giorni, Vaccinazione Epatite A-B- virus o batteri inattivati o uccisi 48 ore, vaccinazioni virus o batteri vivi attenuati 4 settimane

Si ricorda che secondo la legge 219 del 21 ottobre 2005, art. 8, il lavoratore dipendente che si reca a donare il sangue ha diritto all'astensione dal lavoro per la giornata in cui effettua la donazione; tale giornata viene però regolarmente retribuita. Per questo beneficio egli dovrà esibire al proprio datore di lavoro un certificato rilasciato dal centro trasfusionale in cui è avvenuta la donazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-07-2010 alle 10:13 sul giornale del 28 luglio 2010 - 809 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, Comune di Roma, emergenza sangue

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aD6





logoEV
logoEV