Fandango Incontro: al via il nuovo polo culturale con la mostra 'Paz e Pert - Sandro Pertini e Andrea Pazienza'

4' di lettura 06/12/2010 -

Palazzo Incontro, la sede espositiva dell’Amministrazione provinciale - in via dei Prefetti, nel cuore di Roma -  si rinnova e si trasforma per diventare da martedì 7 dicembre anche Fandango Incontro, dopo i lavori di adeguamento e manutenzione realizzati da Civita e Fandango in collaborazione con la Provincia di Roma.



I lavori, appena ultimati, di Palazzo Incontro hanno dato vita a Fandango Incontro – il Caffè letterario con annessa la libreria collocati al piano terra - e al rinnovamento degli spazi espositivi nei due piani superiori.

Un nuovo polo culturale della capitale, promosso con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di uno spazio di “incontro”, non usuale tra culture, esperienze e identità nell’ambito della variegata offerta culturale della capitale.

La prima mostra che nella serata del 6 dicembre inaugura il nuovo polo culturale rende omaggio a due personalità di primo piano della cultura e della politica italiana del Novecento – dal titolo “Paz e Pert Sandro Pertini e Andrea Pazienza” –, in occasione dei vent’anni della scomparsa del Presidente partigiano, in collaborazione con l’Associazione Pertini.

L’esposizione è sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana. E proprio il presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano e il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti partecipano oggi, alle 17.30, all'inaugurazione della mostra, in cui sarà possibile ammirare alcune opere originali di Andrea Pazienza, esposte per la prima volta accanto a materiali sulla formazione, la militanza socialista e l'esilio in Francia oltre all'attività partigiana di Sandro Pertini.

L’esposizione “Paz e Pert Sandro Pertini e Andrea Pazienza”, organizzata da Civita in collaborazione con Fandango, apre al pubblico dal 7 dicembre 2010 al 27 febbraio 2011 ed è curata da Vincenzo Mollica e Mariella Pazienza; per l'Associazione Nazionale Sandro Pertini da Stefano Caretti e Monica Mengoni.

Si tratta di circa 90 tavole che l’artista di San Benedetto del Tronto, scomparso nel 1988 all'età di 32 anni, ha dedicato con particolare affetto al "Presidente partigiano", disegnandolo ininterrottamente dal 1978 al 1987.

Fandango Incontro è frutto della gara indetta dalla Provincia di Roma per la gestione degli spazi espositivi di Palazzo Incontro e degli scavi archeologici di Palazzo Valentini, che è stata aggiudicata a Civita Servizi e Gebart con la collaborazione di Fandango, marchi del settore culturale dalla forte identità e connotazione.

Il progetto Fandango Incontro si è reso possibile anche grazie ad Enel, che con questo evento conferma la proficua collaborazione con Civita e la Provincia di Roma per la gestione degli Scavi di Palazzo Valentini e la realizzazione di iniziative culturali.

La nuova veste dello stabile - secondo gli auspici del presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti – farà di "Fandango Incontro" un prezioso polo di riferimento per i cittadini di Roma e della sua provincia, nell'ambito di un dialogo multidisciplinare e di un progetto di ampio respiro rivolto soprattutto alle nuove generazioni.






Questo è un articolo pubblicato il 06-12-2010 alle 23:23 sul giornale del 07 dicembre 2010 - 1000 letture

In questo articolo si parla di roma, provincia di roma, palazzo incontro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/fcR





logoEV