Benedetto XVI , Dio ci ha liberati da nazismo e comunismo

1' di lettura 19/10/2011 -

 Benedetto XVI durante la catechesi nell'udienza generale in piazza San Pietro davanti a circa 15 mila fedeli, ha affermato: ''Questi 2 mila anni della storia della Chiesa'', ci dimostrano che ''c'e' sempre la bonta' del Signore'', e ''dopo il periodo oscuro della persecuzione nazista e comunista, Dio ci ha liberati. Ha mostrato la sua bonta' e forza e che la sua misericordia vale per sempre''



''Come nella storia comune e collettiva - ha aggiunto il Papa - e' presente questa memoria della bonta' di Dio, ci aiuta, diventa stella della speranza, cosi' anche ognuno ha la sua storia personale di salvezza. Dobbiamo realmente far tesoro di questa storia e tener presente delle grandi cose che ha fatto nella vita''.

Il pontefice ha ricordato che la misericordia di Dio e' ''eterna'' e ''se oggi sono nella notte oscura, domani Dio mi libera, perche' la sua misericordia e' eterna''.

''E' importante - ha proseguito Benedetto XVI - avere memoria della bonta' del Signore. La memoria diventa forza della speranza e ci dice che Dio c'e', Dio e' buono ed e' eterna la sua misericordia. Cosi' la memoria apre, anche nell'oscurita' di un giorno, la strada verso il futuro'', Dio infatti e' ''luce e stella che ci guida''.






Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2011 alle 21:34 sul giornale del 20 ottobre 2011 - 864 letture

In questo articolo si parla di attualità, giacomo campanile, benedetto xvi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/qCc





logoEV