Il Papa a Cuba

1' di lettura 26/03/2012 - Oggi il Papa si trasferirà a Cuba, per il 400° anniversario del rinvenimento della statuetta della Virgen de la Caridad del Cobre.

Lungo la strada che percorrerà nell'ultima tappa del suo viaggio, dall'aeroporto internazionale Jose Marti dell'Havana, intitolato all'idolo dell'indipendentismo cubano e al riferimento ideale di Fidel Castro, al centro della capitale cubana, è stato issato uno striscione Bienvenido a Cuba Su Santidad Benedicto XVI, stesso motto usato in un editoriale di Granma, il quotidiano ufficiale di Cuba.

"A Cuba la Chiesa e' considerata, ha un gradimento da parte del Governo, e' riconosciuta nel lavoro che essa compie nel ministero che essa sta svolgendo. Vi e' - anzi - un senso di ammirazione per quello che la Chiesa sta compiendo, e sta compiendo proprio nel silenzio, sta compiendo a contatto con la gente. Non puo' fare grandi cose, non ha grandi mezzi, pero' ha la forza del Vangelo". Ex nunzio all'Avana, il sostituto della segreteria di Stato, monsignor Angelo Becciu ha commentato cosi' dal Messico l'attesa dell'arrivo del Papa a Cuba






Questo è un articolo pubblicato il 26-03-2012 alle 10:52 sul giornale del 26 marzo 2012 - 662 letture

In questo articolo si parla di attualità, giacomo campanile, Papa Cuba

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/wW7





logoEV