Regione Lazio: varato il Bilancio 2013

11' di lettura 16/04/2013 - La Giunta regionale ha varato il bilancio 2013.

La manovra economica ha un valore di 36mld di euro e si compone di una parte tecnica e di un collegato, denominato 'Per una Regione pulita di cui fidarsi', che produrrà un risparmio complessivo per la Regione, fino al 2016, di oltre 230 milioni di euro, tra spese del Consiglio regionale (-54,8mln), spese di funzionamento (-23,5ml), riordino delle società e agenzie regionali (-128mln), soppressione immediata dell'Asp (-24mln). A regime il risparmio per la Regione sarà di 87,1 milioni di euro l'anno.

Ora dovrà approvarlo il Consiglio in via definitiva. E' un bilancio che si basa su tre punti fondamentali: efficienza, tagli agli sprechi, denaro alle imprese per uscire dalla crisi.

Come ha spiegato il presidente Nicola Zingaretti, si tratta di un bilancio tecnico. "Visti i tempi strettissimi per l'approvazione, entro il 30 aprile, infatti, il bilancio dovrà essere approvato dal Consiglio regionale, per evitare il blocco delle spese".

Lotta e tagli agli sprechi

Con questo provvedimento ci sarà un risparmio di oltre 87 milioni di euro ogni anno. Per i prossimi 3 anni si risparmieranno circa 230 milioni di euro, che saranno investiti nei servizi per i cittadini.

Il pacchetto di misure di contenimento della spesa regionale nel collegato recepisce le indicazioni della cosiddetta "spendig review" del Governo e contiene un significativo piano di risparmi per la Regione e una razionalizzazione delle sue strutture e del suo funzionamento. In particolare, viene avviata la riorganizzazione delle società degli enti e delle agenzie regionali, viene istituito il Collegio dei Revisori dei Conti e vengono introdotte alcune sostanziali misure di risparmio, che vanno dalla riduzione dell'80% delle consulenze esterne, al dimezzamento dei fondi per le cosiddette "auto blu" e all'abolizione immediata dell'ASP - Agenzia di Sanità Pubblica.

Conti in sicurezza, ora il Lazio può ottenere dal Governo i fondi per le imprese

Con l'approvazione del bilancio e la messa in sicurezza dei conti, la Regione Lazio può accedere al fondo previsto dal Governo per il pagamento dei debiti alle imprese: "Noi valutiamo di poter recuperare dai contributi nazionali - ha detto Zingaretti - almeno 4-5 miliardi di euro per pagare i debiti delle imprese". Un'immissione di liquidità nel sistema imprenditoriale laziale che potrebbe produrre, secondo le stime, un aumento del Prodotto Interno Lordo regionale pari all'1,1%.

Più vicini alle persone e ai lavoratori: la nostra idea per il futuro del Lazio

Sono stati stanziati inoltre 8 milioni di euro per i servizi sociali e 500.000 euro destinati all'internazionalizzazione delle imprese. "Nonostante le difficoltà di questa manovra - ha spiegato Zingaretti - abbiamo voluto dare un primo segnale simbolico di quello che vogliamo fare in futuro".

Infine, l'assessore al Bilancio Alessandra Sartore ha voluto ribadire un impegno centrale: "Tra i prossimi obiettivi, la valorizzazione del patrimonio della Regione, per renderlo produttivo per i cittadini, e la riduzione degli oneri del costo del debito. Dobbiamo onorare i debiti e poi fare in modo che non si riformino, questo è il risultato principale da ottenere".






Questo è un articolo pubblicato il 16-04-2013 alle 08:14 sul giornale del 17 aprile 2013 - 1002 letture

In questo articolo si parla di politica, roma, regione lazio, zingaretti, bilancio 2013

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/LQb





logoEV
logoEV