30enne marocchino salva una donna dallo stupro ma viene massacrato di botte

1' di lettura 04/12/2020 - Una donna è stata aggredita sotto i portici di piazza dei Cinquecento, davanti alla stazione Termini, da un uomo che voleva violentarla e che poi si è accanito contro un giovane accorso in aiuto della donna.

La ragazza, che con altre persone stava cercando un luogo riparato dove trascorrere la notte, è stata avvicinata da un uomo che a un certo punto le è saltato addosso, provando a sfilarle i pantaloni, ma è stato interrotto dalla reazione della vittima e dall’intervento di un suo amico marocchino che ha allontanato il violentatore. Quest'ultimo, un tunisino di 45 anni, ha lasciato perdere la donna e si è concentrato sul suo soccorritore prendendolo ripetutamente a calci in testa e sul volto, anche quando era già a terra.

Quindi è fuggito. Gli agenti del commissariato Viminale sono subito accorsi sul posto: il marocchino, un ragazzo di 30 anni, è stato ricoverato al Policlinico Umberto I con una prognosi di 30 giorni, la donna invece è stata medicata e dimessa con cinque giorni. La sua testimonianza, insieme con quelle di altre persone, e l’analisi delle immagini delle telecamere puntate sulla piazza, hanno consentito alla polizia di ricostruire la vicenda e identificare l’aggressore, con numerosi precedenti penali, rintracciato qualche giorno dopo sempre nei pressi della stazione Termini. È stato fermato per tentato omicidio e violenza sessuale.






Questo è un articolo pubblicato il 04-12-2020 alle 10:32 sul giornale del 05 dicembre 2020 - 305 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEBc





logoEV