Anagnina: un'unica operazione di polizia con due arresti ben distinti, sequestrati 28 kg di marijuana

1' di lettura 29/01/2021 - Gli investigatori del II Distretto San Lorenzo, diretto da Giuseppe Rubino, durante un servizio antidroga, hanno notato il classico “viavai” strada/cliente/appartamento in una delle vie limitrofe al capolinea della metro A.

Dopo un breve appostamento i poliziotti sono entrati in azione bloccando e perquisendo l’abitazione in uso a G.I. , 46enne originario dell’Albania. Divisi in 2 parti, uno posto nella dispensa e l’altro vicino alla porta di accesso, sono stati trovati 28 kg di marijuana e 2280 euro in contanti. G.I. è stato arrestato e dovrà rispondere di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Un’altra persona è finita “in manette” durante la stessa operazione: un 43enne, anche lui di origini albanesi, trovato nell’appartamento che fungeva da base di spaccio.

L’uomo, risultava, da un primo controllo, immune da qualsiasi pregiudizio di polizia. La cosa non ha convinto però gli agenti che, sottoponendolo all’identificazione tramite rilievi dattiloscopici, hanno risolto il mistero: l’albanese, dopo essere stato espulso dall’Italia nel 2019, ha cambiato il cognome prendendo quello della moglie e così, usando il nuovo passaporto, è tornato in Italia. Al termine degli accertamenti N.A.,queste le attuali iniziali, è stato arrestato in ottemperanza dell’articolo 13 del testo unico sull’immigrazione.






Questo è un articolo pubblicato il 29-01-2021 alle 22:37 sul giornale del 01 febbraio 2021 - 208 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLNx





logoEV