L'ASR: bene il "Milleproroghe" per rinnovo risorse a Radio Radicale e rinvio del taglio contributi pubblici al pluralismo dell'informazione

1' di lettura 21/02/2021 - "È una buona notizia - sottolinea un comunicato della Segreteria dell'Associazione Stampa Romana - la decisione di maggioranza e opposizione di convergere, in Parlamento, su due emendamenti al decreto "Milleproroghe" che attribuiscono risorse a Radio Radicale (2 milioni di euro) e rinviano di altri due anni il taglio ai contributi pubblici diretti al fondo per il pluralismo dell’informazione".

"È il riconoscimento pressoché unanime - prosegue la nota dell' ASR - del ruolo dell’informazione, anche di prossimità, in assoluto e oggi in questi anni segnati dalla pandemia.

L’approvazione di queste norme - conclude Stampa Romana - rappresenta un viatico per affrontare in modo organico le questioni industriali e sociali del settore, con la riforma della legge per l’editoria e la definizione per autonomi e freelancer di compensi che siano costituzionalmente equi". Al di là - osserviamo - della pur importante definizione dei livelli minimi dei compensi per i giornalisti fatta, negli ultimi anni, dal Consiglio Nazionale dell' Ordine, si trascina infatti, da troppo tempo, la questione di una definizione giuridicamente chiara, inequivocabile, dell' "equo compenso" degli operatori dell'informazione.






Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2021 alle 23:21 sul giornale del 23 febbraio 2021 - 205 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPbv