A Roma, per le scuole, le proposte per l'anno 2021-'22 dell'Archivio - Museo storico di Fiume, al Quartiere Giuliano - Dalmata

3' di lettura 25/02/2021 - La Società di studi fiumani, sorta nel 1923 a Fiume (oggi, com'è noto, Rijeka in Croazia), fu ricostituita, con il suo Archivio Museo Storico, a Roma nel 1960, poco piu' di 60 anni fa: dopo l’esodo dei fiumani in seguito all’occupazione jugoslava della città nel 1945.

La Società cura la conservazione e la valorizzazione di cimeli, documenti archivistici, libri, fotografie, carte geografiche e opere d’arte relativi ai territori giuliano-dalmati ceduti dall’Italia alla Jugoslavia dopo la Seconda guerra mondiale; promuove la ricerca storica, organizza seminari di studio, convegni, corsi d'aggiornamento per docenti, mostre e conferenze nelle scuole di ogni ordine e grado. L’Archivio Museo storico di Fiume della Società di studi fiumani, in Via Cippico 10 (al Quartiere Giuliano-Dalmata nei pressi di Via Laurentina, che dal '48 in poi accolse migliaia di esuli dalle terre istriane, giuliane e dalmate, in fuga dal regime comunista in Jugoslavia), per decreto del 12 luglio 1972 del Ministro della pubblica istruzione, è stato dichiarato “sito di eccezionale interesse storico e artistico”, sottoposto alla tutela delle leggi dello Stato. Inoltre, il 20 febbraio 1987, l’Archivio è stato dichiarato dalla Soprintendenza archivistica del Lazio, con apposito documento, “di notevole interesse storico”, e quindi sottoposto alla tutela prevista attualmente dal Codice dei beni culturali e del paesaggio. L’Archivio Museo Storico di Fiume, inoltre, è riconosciuto anche dalla L. 92/2004, istitutiva della “Giornata del Ricordo” in memoria della tragedia delle Foibe e dell’Esodo dei giuliano-dalmati.

L’Archivio (diretto da Marino Micich) si compone di una esposizione permanente al piano inferiore, e di un archivio, una biblioteca e un’emeroteca al piano superiore.

Per l'anno scolastico 2021-'22, il “Centro di studi fiumani e adriatici”, collegato all' Archivio-Museo storico, propone a titolo gratuito, alle scuole interessate, dei “Progetti ricordo”, volti sia agli studenti che agli insegnanti (iniziati, in parte, già nel corrente anno scolastico), che si baseranno, di norma, su 3 appuntamenti/conferenze, con visita appunto all' Archivio e al Quartiere giuliano-dalmata:

1)il 27 gennaio, per la Giornata della Memoria: “La tragedia della Shoah nelle terre fiumane e giuliano-dalmate”;
2)il 10 febbraio, per il Giorno del Ricordo: “I fatti, le cause, la memoria storica”;
3)nel mese di aprile: una conferenza sui temi della cittadinanza europea, con riferimenti alla realtà delle minoranze nazionali e culturali italiane in Slovenia e Croazia (nel caso di Fiume, riferimenti anche al mondo culturale ungherese, con cui ci son stati sempre forti legami);
4)infine, nel corso dell'anno scolastico (da Dicembre ad aprile), visite di studio all' archivio -Museo storico di Fiume e al Quartiere Giuliano-Dalmata (area di “Museo Diffuso” del IX Municipio) , ricco di monumenti e di storia, che testimoniano appunto la presenza degli esuli giuliano-dalmati nella capitale.
Le scuole interessate possono mandare una email, per aderire a questo progetto nel prossimo anno scolastico, al Direttore dell' Archivio-Museo Storico di Fiume, Prof. Marino Micich (marino.micich@virgilio.it).







Questo è un articolo pubblicato il 25-02-2021 alle 15:58 sul giornale del 26 febbraio 2021 - 117 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPT6