Venerdì 5 marzo, il Teatro "Quirino - Vittorio Gassman" alzerà le saracinesche e accenderà le sue luci dalle 18 alle 20

1' di lettura 01/03/2021 - Il 5 marzo, primo anniversario della chiusura totale dei teatri italiani causa Covid - 19, il Teatro "Quirino - Vittorio Gassman" - informa un suo comunicato ufficiale - alzerà le saracinesche e accenderà le sue luci dalle 18 alle 20.

E farà risuonare dai suoi vari accessi, distribuiti sul cosiddetto “quadrilatero Sciarra” (dal nome del principe Maffeo Barberini Colonna di Sciarra, che nella seconda parte dell’Ottocento ristrutturò l’intero quartiere e realizzò la celebre Galleria Sciarra in stile liberty), le voci di alcuni grandi attori che hanno calcato le scene del teatro: Vittorio Gassman, Eduardo De Filippo, Carmelo Bene, Turi Ferro, Totò, Mario Scaccia, Ettore Petrolini, Anna Magnani, Aldo Fabrizi, Gigi Proietti ed altri mostri sacri. Ma farà ascoltare anche le voci di alcuni grandi interpreti della scena di oggi: Michele Placido, Alessandro Haber, Geppy Gleijeses, Mariangela D’Abbraccio, Emilio Solfrizzi, che saranno presenti alla manifestazione.

Un grande spettacolo sonoro gratuito e a disposizione di tutti, un regalo a Roma e ai romani: nello stesso spazio - la Galleria Sciarra, appunto - dove, già a settembre - ottobre scorsi, erano state organizzate le serate culturali, con cena all'aperto, del sabato sera.

Il teatro Quirino, in quelle due ore, sarà anche aperto per una piccola visita, in un percorso guidato dal foyer alla “sala Petrolini,” a gruppi di 15 persone alla volta, rispettando tutte le norme sanitarie anti COVID, dalle mascherine alla misurazione della temperatura, alla sanificazione dei locali. Il tutto, sperando che presto si torni alla bellezza dello spettacolo dal vivo.






Questo è un articolo pubblicato il 01-03-2021 alle 00:20 sul giornale del 02 marzo 2021 - 135 letture

In questo articolo si parla di cultura, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQk1