Sensazionale scoperta alla grotta Guattari di San Felice Circeo, in campagna di ricerche dell'Università Roma Tor Vergata

1' di lettura 11/05/2021 - La Grotta Guattari si trova a San Felice Circeo, ed è stata scoperta casualmente nel 1939. Sepolta da un crollo avvenuto circa 60 anni fa, è stata poi studiata dal paleontologo francese Alberto Carlo Blanc, e sino a non troppi anni fa, era visibile (anche se non visitabile) nel cortile di un importante albergo di San Felice. Oggi gli archeologi, con tecnologie ultramoderne, sono riusciti a raggiungere una zona della grotta sinora mai esplorata.

In una campagna di scavo in collaborazione con l’Università di Tor Vergata,sono stati ritrovati ultimamente i resti di 9 ominidi di Neanderthal, insieme a un ampio numero di fossili animali e vegetali. La soprintendenza e gli archeologi impegnati nel progetto, che riguarda uno dei siti più prolifici e importanti sul paleolitico medio, sostengono che questo nuovo ritrovamento costituisce una notevole "banca dati" sulla storia dell’uomo e dell’ecosistema di queste terre. I resti sono databili tra i 125 mila ai 50 mila anni fa. “Lo studio geologico e sedimentologico di questo deposito”, ha spiegato Mario Rolfo, docente di Archeologia preistorica aT or Vergata, “ci farà capire i cambiamenti climatici intervenuti tra 120 mila e 60 mila anni fa, attraverso lo studio delle specie animali e dei pollini (tema, questo, tra l'altro già suggerito dalle pagine dell' "Odissea" sulle avventure di Ulisse al Circeo, N.d.R.): permettendoci di ricostruire la storia del Circeo e della pianura pontina”.






Questo è un articolo pubblicato il 11-05-2021 alle 10:51 sul giornale del 12 maggio 2021 - 138 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b2zt





logoEV