Omaggio al grande poeta e scrittore, Valerio Magrelli

3' di lettura 28/06/2021 - All’interno dell’ex Cartiera Latina, sede del parco regionale dell’Appia Antica, sedici artisti raccontano la società contemporanea attraverso l’intermedialità. L’evento è realizzato con il sostegno dell’Ambasciata Tedesca.

Valerio Magrelli, romano classe 1957, è laureato in filosofia all’università La Sapienza di Roma. Traduttore, ordinario di letteratura francese all’Università di Cassino e saggista. La sua passione per l’attività poetica emerge chiaramente con la sua prima raccolta nel 1980, intitolata Ora serrata retinae, per poi proseguire dal 1987 con altre raccolte: Nature e venature, Didascalie per una lettura di giornale, Nel condominio di carne, con la quale vincerà il premio Orient-Express nel 2003, La Vicevita. Treni e viaggi in Treno. Magrelli è uno dei maggiori esperti inerente la letteratura francese, basti ricordare l’antologia: Poeti francesi del Novecento. Ha conseguito diversi premi letterari, tra cui il “premio Antonio Feltrinelli”, conferitogli nel 2003, dall’Accademia dei Lincei.

°°°°°°°°°

Giovedì 1 luglio alle 21:00, nello splendido spazio dell'Ex Cartiera Latina del Parco Regionale dell'Appia Antica, torna lo spettacolo intermediale della scrittrice e regista Federica Altieri. Tra musica, recitazione, videoarte, performance, installazioni, fotografia e letteratura, un incontro di 16 italiani e tedeschi, con una perla danese proveniente direttamente dall'Odin Teatret di Holstebro, omaggiano uno dei più grandi intellettuali del nostro tempo: Valerio Magrelli, poeta, scrittore, traduttore, critico letterario e accademico. Attraverso la sua visione antropologica della società contemporanea lo spettacolo "La soluzione poetica" propone agli spettatori un percorso itinerante, immersivo, d'incontro negli spazi all'aperto dell'Ex Cartiera Latina, che dalla Città Eterna prenderà il via per un tour internazionale tra Danimarca, Germania, Francia. A Roma l'evento è realizzato grazie al sostegno dell'Ambasciata Tedesca: la coesistenza delle due lingue sarà caratteristica fondamentale dello spettacolo. Valerio Magrelli ha vinto il Premio Feltrinelli per la poesia italiana, ricevuto dall'Accademia Nazionale dei Lincei, è stato collaboratore delle pagine culturali di Repubblica, ha tradotto le opere dei più importanti poeti francesi del '900.

Nello spettacolo "La soluzione poetica", la sua visione del contemporaneo ha ispirato un linguaggio prettamente intermediale e tecnologico. Dice la regista Federica Altieri: "Si tratta, difatti, di una "Soluzione poetica-tecnologica". Definire Valerio Magrelli un "poeta" è riduttivo, poiché la sua scrittura percorre e vive in una dimensione trasversale, che attraversa generi e mondi diversi. Magrelli dubita, osserva, riflette e, con perspicace libertà, racconta l'epoca in cui stiamo vivendo in modo talmente confidenziale da spiazzare alla prima lettura." Lo spettacolo è prodotto dall'Associazione Appercezioni, questo evento conferma la volontà di Federica Altieri di intrecciare la sua Arte con la società contemporanea: superando la concezione egoica del "personaggio" o del "protagonista" per ritrovare il piacere dell'assemblamento, dove ogni ruolo è parte dell'atto artistico - dall'attore, all'aiuto-regista, al tecnico audio/luci, allo scenografo, all'ufficio stampa.

Un lavoro che si rielabora di continuo a seconda del paese che lo ospita, un cammino metamorfico che si trasforma a seconda della lingua, dei luoghi, dei professionisti che lo plasmano e creando una partitura collettiva. Uno spettacolo orizzontale con artisti nazionali ed internazionali di grande spessore: il 1 luglio andranno in scena l'attrice Maria Letizia Gorga, i performer berlinesi Bankleer, l'attrice tedesco-portoghese Ana Maria Bernauer, i musicisti Emanno Baron e Marcello Allulli, dal celebre Odin Teatret l'attore Ulrik Skell, la scenografa Barbara Pensa, la fotografa Paola Favoino, lo scultore Cesare Lauri, la giovanissima attrice Viola Maria Ronzoni, il videoartist Claudio Ammendola, gli attori Irene Trapani e Diego Colaiori, l'ufficio stampa Fiorenza Gherardi de Candei, lo stage manager Andrea D'Amico, il responsabile produzione Carlo Ronzoni.








Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2021 alle 10:15 sul giornale del 29 giugno 2021 - 238 letture

In questo articolo si parla di cultura, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b83Q





logoEV