Procura di Perugia, Cantone: da Palamara un cambio d'abito di scena

1' di lettura 17/07/2021 - La richiesta di rinvio a giudizio ha riguardato Palamara e Adele Attisani, mentre Centofanti ha chiesto (con il consenso dei pm) di poter patteggiare un anno e mezzo di reclusione.

"C'era un Luca Palamara che ho particolarmente apprezzato come presidente dell'Anm, quando era un punto di riferimento perché difendeva l'autonomia della magistratura. Poi però ha fatto un cambio d'abito di scena, ha avuto un ruolo diverso dimenticandosi di quanto aveva fatto prima": è uno dei passaggi dell'arringa di Raffaele Cantone che, con i sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano, ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per l'ex magistrato romano accusato di corruzione per i suoi rapporti con l'imprenditore Fabrizio Centofanti. Lo ha fatto nel corso dell'udienza preliminare in corso a Perugia.

Secondo la Procura del capoluogo umbro, il quadro delle intercettazioni acquisite alle indagini conferma quanto emerso dalle dichiarazioni spontanee rese da Centofanti, che ha ammesso i suoi rapporti con Palamara. La procura di Perugia ha sostenuto in particolare che quest'ultimo ha ricevuto dall'imprenditore il pagamento di viaggi, soggiorni e lavori presso l'abitazione di Attisani (considerata "l'istigatrice delle condotte delittuose") in relazione al suo ruolo nel Csm. Per i magistrati umbri la quantità di utilità ricevute dall'ex magistrato, i tempi e le modalità di ricezione evidenziano "che Palamara aveva messo a disposizione del lobbista Centofanti le sue funzioni".






Questo è un articolo pubblicato il 17-07-2021 alle 10:36 sul giornale del 17 luglio 2021 - 104 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/caPo





logoEV