Dalla, Renzo Arbore: "La creatività di Lucio lo rende unico, non aveva fili conduttori"

1' di lettura 21/09/2022 - "Amava Napoli e la musica neomelodica" lo ricorda così l'amico e artista

POLITICA (Roma). "Il clarinetto di Lucio Dalla è un ricordo meraviglioso, dicevamo che saremmo stati sepolti in terra sconsacrata come artisti avevamo una forte passione per il jazz e per l'America ma non solo. Lucio è stato capace di raccontare tutte le città, da Roma a Milano alla sua Bologna per non parlare di Napoli" commenta l'amico e musicista Renzo Arbore all'apertura della mostra su Lucio Dalla al museo dell'Ara pacis a Roma. "Lucio amava Napoli e la musica neomelodica, ricordo che una volta mi disse che la canzone "Let it be" fosse un jingle pubblicitario rispetto a "Era di maggio" scritta da Salvatore Di Giacomo. (Vanessa Ciccarelli/alanews)

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Roma .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivereroma o Clicca QUI.







Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 22-09-2022 alle 10:06 sul giornale del 22 settembre 2022 - 80 letture

In questo articolo si parla di attualità, video, Alanews

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/driv





logoEV
logoEV
logoEV