SEI IN > VIVERE ROMA > CULTURA
comunicato stampa

Quattro nuovi racconti ed una poesia di Marco Buscarino, alla Fiera del Libro di Roma

5' di lettura
64

Quattro nuovi racconti ed una poesia di Marco Buscarino, saranno presentati alla Fiera del Libro di Roma “Più libri più liberi 2023” dal 6 al 10 dicembre prossimo, a cura degli editori Historica, Rudis e Ensemble.

Si tratta rispettivamente di “La villa”, “VanMcCoy and the Stylistics”, “L’articolo”, “Intervista immaginaria a Luigi Pirandello su i Sei personaggi in cerca d’autore” e il testo poetico “Toscana”. I racconti si trovano in ordine nelle antologie Lazio Segreto e Sconosciuto 2023, Racconti di Viaggio 2023, nel primo volume di Racconti Liberi 2023, nella raccolta I Segreti di Roma, e nell’Agenda Poetica 2024. La prima short story dal titolo “La villa” è ambientata a Roma e a Frascati. Edoardo il personaggio principale è alle prese con la stesura della sua commedia in cui trasferirà il ricordo dell’incontro con Livia avvenuto a Villa Falconieri a Frascati nel corso di un convegno a cui lui partecipò. La short story di Buscarino è anche lo spunto per descrivere Villa Falconieri a Frascati uno dei luoghi storici di sicuro valore artistico architettonico del nostro paese. La scena dell’incontro fra Edoardo e Livia è stata inserita nella commedia “Sogno Italiano” scritta dell’autore del racconto e pubblicata dalla rivista Sipario alla fine degli anni Novanta. La seconda narrazione dal titolo “Van McCoy and The Stylistics” è il ricordo delle atmosfere di una vacanza studio trascorsa in Inghilterra da Marzio, giovanissimo protagonista del racconto. Ad evocarne il ricordo, come evidenziato nel titolo della breve storia, è l’ascolto da parte di Marzio di due brani: “The Hustle” di Van McCoy e “You make me feel brand new” del gruppo The Stylistics. Partito in aereo da Milano alla volta di Cambridge, il protagonista si ritroverà ben presto parte di un folto gruppo promiscuo di coetanei italiani. Con essi frequenterà i corsi d’inglese presso un college della cittadina britannica e condividerà parte del suo tempo libero, all’international centre, un centro di ritrovo internazionale riservato ai giovani studenti stranieri della città. Nel corso del suo soggiorno, Marzio approfondirà la conoscenza di alcuni compagni, ragazzi e ragazze, residenti come lui presso alcune selezionate famiglie di Cambridge. La terza short story intitolata “L’articolo” narra di parte dei rapporti d’amicizia e professionali intercorsi fra Guido Vergani, giornalista e scrittore, e l' autore del racconto. Da qui trae origine una storia basata sulle frequentazioni fra Guido e Stefano, (l’alter ego dell’autore), intervallata da una serie di informazioni fornite da Nico Naldini, poeta e intellettuale, in un suo articolo apparso sul quotidiano “Il Piccolo” di Trieste. Il racconto focalizza altresì l’attenzione sulla famiglia Vergani e su Naldini, protagonisti della scena culturale del XX secolo accanto a Pasolini, poeta, scrittore e regista; i noti registi Federico Fellini e Bernardo Bertolucci, il produttore Alberto Grimaldi per cui Naldini lavorò. Maria Pezzi, grande giornalista di moda. Il quarto racconto “Intervista immaginaria a Luigi Pirandello su i Sei personaggi in cerca d’autore” è incentrato in particolare sul capolavoro pirandelliano ‘I sei personaggi’ che fu scritto dal maestro siciliano in tre mattinate. Testimone di ciò fu l’allora giovane Orio Vergani, che aveva libero accesso nello studio di Pirandello. “I sei personaggi” andò in scena il 10 maggio 1921 al Teatro Valle di Roma con la compagnia di Dario Niccodemi. Vera Vergani esordì nel capolavoro del maestro siciliano nel ruolo della figliastra e con la sua grazia ed eleganza interpretò in modo magistrale un personaggio ambiguo, disperato, perverso e assai accattivante. Gli attori svolsero il loro lavoro in profondità e con molto coraggio. Ciò nonostante quella notte ci furono fischi. Il testo di Pirandello non venne capito da una parte del pubblico romano. Vera Vergani interpretò in seguito la commedia con grande successo di pubblico a Milano e, di lì a poco, in Spagna e in America, aprendo a Luigi Pirandello la strada dei successi internazionali. La poesia Toscana conclude la serie di pubblicazioni. La breve composizione poetica di Buscarino dal titolo “Toscana” è un ricordo in cui rivive, in un brevissimo flashback, alcuni momenti della sua d’infanzia trascorsa a Maresca, un piccolo paese della montagna pistoiese, posto in prossimità del monte Abetone. È presso la grande casa degli zii che nel corso di un’estate si imbatte in Michelle e Eric, due giovani fidanzati francesi. Essi sono ospitati al piano superiore della stessa abitazione. Sono appena rientrati da un viaggio in Marocco e incontrali è per l’autore motivo di curiosità. Michelle ritornerà a Maresca da sola, l’anno successivo, per una vacanza estiva, questa volta ospitata nello stesso appartamento degli zii dell’autore. Motivo ricorrente di quell’estate sarà “Giochi proibiti” noto brano che Michelle eseguirà magistralmente alla chitarra in alcuni momenti di svago personale e con soddisfazione del piccolo ospite. Tutte le pubblicazioni saranno disponibili il prossimo dicembre alla Fiera del Libro di Roma, posta alla Nuvola in Viale Asia 25, presso gli stand degli editori, nelle librerie nazionali, sui principali stores online e sui siti delle case editrici.


  


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite: 

Whatsapp | Telegram | Facebook | Mastodon

Iscriviti ai nostri canali per ricevere le notizie in tempo reale.  

 



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2023 alle 14:22 sul giornale del 04 dicembre 2023 - 64 letture






qrcode